Bollettino Agrofenologia

AgroFenologia
Mercoledì, Maggio 25, 2022

AGROFENOLOGIA E MONITORAGGIO

 

Nota: le fasi fenologiche si riferiscono a quelle in prevalenza riscontrate sul territorio regionale, pur tenendo conto di tutte le variabili che incidono, (localizzazione,  esposizione, clone, etc). Il rilievo fenologico e il monitoraggio sono riferiti all'areale della collina litoranea e della media collina interna. Nel caso dell'areale pedemontano, ad una distanza prossima o superiore ai 40 km dalla costa e/o ad altitudini vicine e/o oltre i 400 m s.l.m., il ritardo nello sviluppo fenologico è in genere valutato in circa due settimane. 

 

VITE

Fenologia

Le varietà precoci, Chardonnay e Moscato sono in fase di fioritura, iniziata già nel fine settimana ultimo scorso ( 20-21 maggio); le varietà medio precoci (Pecorino) hanno iniziato la fioritura a inizio settinana. Il Montepulciano, nelle zone meglio esposte, mostra una iniziale fioritura, ancora al di sotto del 5%, ma questo fa presagire che in settimana, anche per questa varietà inizierà un po' ovunque la fioritura. Le altre varietà medio tardive  sono  nella fase di "bottoni fiorali separati" ma anch'esse prossime alla fioritura.  

 

Monitoraggio

Non si segnalano infezioni fungine da peronospora e oidio. 

Il volo della prima generazione della Tignoletta della vite si mostra ovunque in fase di calo. Si rileva che le catture sono state molto più elevate nell'areale costiero frentano, con punte di 90 catture la scorsa settimana e oggi di 40,  e molto meno consistente nell'areale pescarese con meno di 20 catture rilevate la scorsa settimana e, oggi, quasi azzerate. Di seguito la mappa che si può vedere nell'app Agroambiente Abruzzo cliccando su VISUALIZZA MONITORAGGIO.

 

 

 

 

Catture di tignoletta della vite (Lobesia botrana)

Operazioni colturali

Sono in corso le operazioni colturali di potatura verde della vite.

Queste operazioni sono importanti sia per la prevenzione fitosanitaria (una buona potatura verde crea una chioma funzionale in cui il grappolo è posto nelle migliori condizioni, sia di illuminazione, senza essere esposto troppo alle radiazioni dirette, sia  di arieggiamento, non essendo soffocato da una eccessiva vegetazione), sia per ottimizzare le condizioni vegeto-produttive dell'annata, sia per preservare i germogli utili alla struttura futura, quei germogli che oggi sono verdi e che ci ritroveremo nell'inverno prossimo, legnosi, nel momento in cui stiamo operando la potatura secca. Per tutti questi motivi è facilmente comprensibile che la stessa deve essere eseguita con molta attenzione da personale specializzato: di norma si dice che è lo stesso personale, o comunque operai che hanno lo stesso modo di interpretare la "strutttura della vite", a dover svolgere entrambe le potature. 

Fondamentalmente la potatura verde in questa fase comprende la spollonatura, cioè l'eliminazione dei polloni che nascono alla base del fusto dal portinnesto e dei succhioni che nascono lungo il fusto da gemme latenti, la scacchiatura, cioè l'eliminazione di doppi germogli che nascono da gemme di controcchio (sono gemme di sostituzione che servono come sostitutive della gemma principale quando questa per vari motivi si deteriora, ad esempio nel caso di gelate), la sfemminellatura, asportazione delle femminelle che si sviluppano da gemme pronte posizionate all'ascella delle foglie dei germogli di un anno, la sfogliatura, con l'asportazione di qualche foglia al di sotto del grappolo. Queste asportazioni devono essere eseguite con molta attenzione, eliminando solo quegli organi verdi mal posizionati, che creano ingombri inutili e non sono funzionali ad una crescita vegeto-produttiva ottimale. 

 

OLIVO

Fenologia

Oltre alla varietà Cucco, già segnalata in fioritura piena la scorsa settimana,  Castiglionese, Tortiglione, Gentile di Chieti, sono in fase di piena fioritura. Leccino è in qualche caso in fioritura, ma la  fase prevalente è quella di bottoni fiorali rigonfi. Altre varietà più tadive, tra cui la Dritta, sono in fase di bottoni fiorali rigonfi, ma, anche in questo caso ci sono segnalazioni di fioritura, ad esempio in Val Fino. Presumibilmente in settimana le prime varietà a fiorire saranno in fase di allegagione e tutte le altre andranno in fioritura.


Castiglionese 

 

Monitoraggio

In alcuni areali si possono notare ingiallimenti fogliari, dovuti in parte a motivi fisiologici,  in parte a occhio di pavone e a piombatura, con sintomatologie differenti (vedi foto sottostante)

 

Ingiallimenti foglie di olivo